Neve: come nasce un fiocco

La neve è uno dei fenomeni meteorologici più amati ed ammirati: ma come nasce un fiocco di neve e in quali situazioni raggiunge il suolo?

Come nasce un fiocco

Tutti sanno che la neve si manifesta sotto forma di fiocchi tendenzialmente con struttura cristallina: ma non tutti potrebbero conoscere come si origina il fiocco bianco e in quali condizioni.

  • Dall’evaporazione delle masse d’acqua su mari, laghi ed oceani si originano, per sollevamento verso l’alto, le nubi: il vapore acqueo condensa una volta raggiunta la temperatura di saturazione;
  • Le nubi, alle diverse altitudini rispetto al suolo, sono costituite da minuscole goccioline dell’ordine del micron, sostenute dalle correnti ascendenti;
  • Nelle nubi le goccioline d’acqua mantengono generalmente lo stato liquido, in virtù del fenomeno della “sopraffusione“;
  • Milioni di goccioline di piccole dimensioni tendono a compattarsi ed unirsi: le gocce grandi “mangiano” quelle più piccole. Raggiunta un’adeguata densità, le gocce inizieranno a cadere verso il basso;
  • Se nella loro “caduta verticale” tali gocce incontrassero strati a temperatura negativa fino al suolo, tenderebbero a trasformarsi prima in cristalli di ghiaccio ed infine in fiocchi di neve;
  • La nascita di un fiocco di neve è un fenomeno che avviene a livello microscopico, dagli urti fra cristalli di ghiaccio adiacenti: per questo motivo è difficile, ma non impossibile, che la neve giunga a bassa quota con la tipica forma cristallina, bensì lo fa con una geometria circolare o irregolare.

Arriverà in pianura?

La previsione di neve è una delle più difficili da realizzare: in Emilia-Romagna si assiste talvolta a nevicate sia in pianura che sulla fascia costiera, tuttavia in particolari condizioni. Ecco quali:

  • Se il fiocco parte da uno strato di 4000/5000 metri di altitudine ed incontra una colonna d’aria con temperatura negativa, giunge al suolo come neve;
  • Se durante la discesa il fiocco entra in uno strato a temperatura positiva ad appena 500-600 metri dal suolo, probabilmente vi arriverà sotto forma di neve;
  • Se, invece, il fiocco dovesse trasformarsi in pioggia a causa dell’incontro di uno strato con temperatura ben al di sopra dello zero, allora potrà giungere al suolo o come pioggia o come gelicidio (pioggia congelantesi).

Vi invitiamo a seguire i prossimi aggiornamenti sui nostri canali!

Consulta il nostro bollettino aggiornato

Seguici su Instagram

Non perdere i nostri aggiornamenti sul canale Telegram