Stagioni meteorologiche ed astronomiche: quali differenze?

Cosa sono le stagioni meteorologiche, quando iniziano e finiscono? E a cosa sono dovute le differenze con le stagioni astronomiche? Scopriamolo insieme in questo breve articolo.


“Oggi, 1 Marzo 2019, inizia la primavera”

Quanti di voi sentendo questa frase hanno pensato che chi scrive ha commesso un errore e che la primavera inizia il 20 Marzo? Beh, se si intende primavera meteorologica, non vi è alcun errore, la stagione autunnale inizia proprio il primo giorno di Marzo. Come mai questa differenza? E’ molto semplice, le stagioni meteorologiche iniziano il primo giorno del mese nel quale “cade” il solstizio oppure l’equinozio. Ecco spiegato il perché la primavera meteorologica inizia il 1 e non il 20 Marzo, Stessa cosa per l’autunno, che parte l’1 di Settembre, l’Estate l’1 di Giugno e l’inverno l’1 di Dicembre.

Come mai si parla di stagioni meteorologiche?

Anche qui la risposta è semplice: per convenzione, si è scelto di “anticipare” di un paio di settimane ogni stagione, anche perché i tre mesi di ciascuna di esse hanno tendenzialmente caratteristiche climatiche simili. L’esempio dell’autunno giova anche per comprendere tale scelta: nel nostro Paese, gli importanti break, o cambiamenti rilevanti nelle condizioni meteorologiche in corso, di fine estate si sono spesso verificati a inizio Settembre, in quei giorni dove dal punto di vista astronomico è ancora estate. D’altra parte, molto frequentemente a inizio/metà Giugno è già più caldo rispetto ai due mesi precedenti appartenenti alla stagione primaverile. Allora dal punto di vista meteorologico si è ritenuto più appropriato considerare “Autunno” dal primo Settembre ed “Estate” dal primo Giugno, stessa cosa per Primavera ed Inverno.

Vi è quindi una base scientifica a sostegno di tale scelta, condizionata dal clima e dai cambiamenti a livello ambientale nel corso dei vari periodi dell’anno. Pertanto, in zone come quelle tropicali o quelle polari, la distinzione delle stagioni meteorologiche è ancora diversa da quella che si compie nelle aree di clima temperato come la nostra. Questo spiega anche il fatto che, nel nostro Paese, a Settembre sono ancora possibili giornate più calde e gradevoli. Ciò non significa che con l’inizio dell’autunno meteorologico si ha per forza un netto distacco con il mese di Agosto, anzi, negli ultimi anni le prime settimane di Settembre hanno avuto caratteristiche più simili a quelle estive piuttosto che autunnali. Ma sappiamo bene che per parlare di clima bisogna prendere dei riferimenti per molti anni e non ci si può basare solo sull’esperienza degli ultimi due o tre anni, sebbene i cambiamenti climatici siano responsabili di queste anomalie che oramai spesso viviamo nel nostro quotidiano.

Oggi quindi inizia la primavera?

Sì, dal punto di vista meteorologico siamo in primavera, ma questo non significa che l’inverno finirà di colpo. Non si escludono quindi, periodi tutto sommato freschi o perturbazioni che porteranno maltempo diffuso.