Forti temporali e danni in regione: cosa è successo

La giornata odierna ha visto anche la conta dei danni dopo i temporali che hanno interessato la nostra regione nella giornata di ieri. Ecco cosa è successo.

Come previstola serata di Mercoledì 3 Luglio è risultata spiccatamente temporalesca sulla nostra regione. I fenomeni sono risultati severi in diverse aree del territorio, causando disagi e anche danni. Questi ultimi dovuti specialmente alle forti raffiche di vento e localmente alla grandine.

La dinamica

Osservando gli scatti del radar Arpae, notiamo come dopo un pomeriggio trascorso con limitata attività cumuliforme a ridosso dei rilievi, l’instabilità è aumentata a partire dal tardo pomeriggio.

Inizialmente un forte e localizzato temporale ha interessato il Piacentino, con grandine di medie dimensioni. Registrate anche delle frane sui rilievi, che han causato la temporanea chiusura della Statale 45.

Successivamente si formano altre celle temporalesche sul settore occidentale della regione, mentre altre scendono da Nord, unendosi in un sistema temporalesco multicellare (MCS), in lento movimento verso Est. Proprio il fatto che lo spostamento è risultato molto graduale, alcune aree sono state colpite severamente dalle precipitazioni.

Soprattutto in Emilia son risultati diffusi i danni, specialmente alla vegetazione e alle colture, a causa di numerosi episodi di downburst, ossia forti raffiche lineari in uscita dal temporale. Si sottolinea che NON si è registrata alcuna tromba d’aria.

Nel corso della serata nuovi rovesci si son formati sulla Romagna, interessata da precipitazioni moderate o a tratti più intense, grandine di piccole dimensioni e locali rinforzi del vento.

Fenomeni in via di attenuazione e successivo esaurimento tra tarda serata e nottata da Ovest verso Est.

Dati e foto

Dalle mappe in collaborazione con MeteoNetwork possiamo notare come gli accumuli più elevati si siano registrati a ridosso della dorsale appenninica centro-orientale, nonché sulla bassa al confine tra reggiano e modenese, laddove han maggiormente insistito le celle temporalesche più intense.

Raffiche massime collocate in media sui 60-70 Km/h con locali picchi poco inferiori a 80 Km/h.

Ecco le tre località più piovose:

  1. 42.3 mm a San Felice sul Panaro (MO)
  2. 36 mm a Farini (PC)
  3. 33.4 mm a Rolo (RE)

Di seguito le tre località più ventose:

  1. 74 km/h a Rivergaro (PC)
  2. 73.4 km/h a San Felice sul Panaro (MO)
  3. 64.4 km/h a Soragna (PR)

In conclusione vi lasciamo con una galleria delle più belle foto realizzate alle numerose fulminazioni che hanno interessato la nostra regione durante la serata di ieri.

Seguici su @CentroMeteoEmiliaRomagna