Veloce peggioramento nel weekend, neve possibile fino in collina

Un saluto a tutti amici di Centro Meteo Emilia Romagna e ben trovati con il nostro consueto approfondimento riferito alla perturbazione che ci riguarderà tra Sabato 18 e Domenica 19 Gennaio.

 

L’arrivo di una perturbazione farà sentire i suoi effetti già dal pomeriggio/sera odierno. La nuvolosità andrà aumentando da Ovest verso Est e le prime precipitazioni interesseranno l’Appennino.

I fenomeni si sposteranno nel corso della nottata di Sabato 18 verso Est, risultando nelle ore notturne moderati/forti in Appennino e a tratti sulla pianura di Piacentino e Parmense. In seguito nel loro movimento verso i settori centro-orientali, che avverrà nella mattinata di Sabato, tenderanno a risultare maggiormente organizzati sulle aree pianeggianti.

Le precipitazioni giungeranno su Emilia orientale e Romagna tra tardo mattino e primo pomeriggio. Sulle pianure assumeranno carattere debole/moderato, in temporanea attenuazione nelle ore pomeridiane.

Successivamente, l’instabilità aumenterà nuovamente nella serata di Sabato, con piogge in movimento da Nord-Est verso Sud-Ovest, maggiormente concentrate su Romagna ed Emilia orientale. Il tutto andrà ad attenuarsi e successivamente esaurirsi nella prima parte della giornata di Domenica 19 Gennaio, che vedrà qualche residuo fenomeno pomeridiano solo sulla Romagna.

Dove cadrà la neve?

La neve cadrà già dalla serata di Venerdì 17 Gennaio, inizialmente dai 1100/1300 m sull’Appennino occidentale (PC-PR-RE) con quota neve in calo sulle medesime aree tra notte e mattinata di Sabato fin sui 600/800 m.

Leggermente più alta su Appennino centrale (MO-BO) con neve dai 1400 m tra serata e notte di Sabato e successivo calo della quota fin sugli 800/1000 m.

Discorso differente per i rilievi della Romagna, che almeno inizialmente vedranno i fiocchi solo sulle vette. La quota neve subirà una flessione nella seconda parte della giornata di Sabato, portandosi sui 900 m, per poi scendere ulteriormente tra la notte e la mattinata di Domenica. L’afflusso di aria più fredda permetterà fioccate fin sui 500/600 m sui rilievi Romagnoli.

Neve quindi possibile fino a quote collinari, seppur con accumulo non particolarmente elevato. Pioggia invece su pianura e costa.

Ventilazione in rinforzo e moto ondoso in aumento

La ventilazione tenderà a disporsi dai quadranti settentrionali, con rinforzi specialmente sul settore costiero e in alto Appennino. Saranno possibili raffiche fin sui 70-80 km/h lungo la costa. Contestualmente aumenterà il moto ondoso, con mare sino a molto mosso lungo la costa, localmente agitato al largo.

Scopri i dettagli per la tua zona nel nostro nuovo bollettino meteorologico

Seguici su Instagram

Non perdere i nostri aggiornamenti sul canale Telegram